Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Chi crea i posti di lavoro?

Chi crea i posti di lavoro? Gli imprenditori o i consumatori?
Prima di accapigliarvi con le ideologie la risposta è: entrambi.
Solo che i veri imprenditori ci pensano prima, e i consumatori dopo. 
In mezzo ci sono i lavoratori sui quali incombe, in questi tempi, la chiusura degli stabilimenti. È compito dell’imprenditore creare –prima- il contesto adatto a far emergere la produttività, poi scegliere le persone adatte per moltiplicarla. Solo con i robot non c'è innovazione, da qui la crisi che stiamo sperimentando.

In Italia avevamo un Avvocato che si allineava alla politica (soldi in cambio di posti di lavoro) e oggi abbiamo un nuovo capitano che si allinea alla finanza, dimenticandosi di essere un industriale.
Tutti gli riconoscono che la Fabbrica Italiana è quasi fallita prima del suo ingresso; ora l’ha resa internazionale, e nessuno può avere voce in capitolo su “dove” un’azienda multinazionale intenda investire. Ma non dobbiamo pensare che i capitani d’impresa siano sempre dalla parte della ragione.

Il distacco dagli operai è nelle sue corde, lo dimostra la corsa al ribasso dei salari, e dei diritti. Le cose andavano male, ma lui aveva la soluzione immediata: lavorare di più. Purtroppo ci siamo ritrovati al punto di partenza perché, quando si persegue questa strada in discesa, la competizione mondiale aumenta invece di diminuire. Forse la soluzione consiste nell’investire nella ricerca di nuovi modelli; molto più difficile per un finanziere, almeno rispetto alla scorciatoia precedente.

Un altro importante segnale della sua diversità è stato l’allontanamento dai suoi alleati: il sindacato degli imprenditori.
L’ultima evidenza è che "aspetta il mercato" per investire.
Allora vuol dire che non è un imprenditore, è altro. Quelli bravi sono allineati con il mercato, i grandi lo anticipano.

Basterà un competitor in qualsiasi posto nel pianeta per sfruttare quest’opportunità e surclassare lo statico incumbent nel mercato.
Il finale lo vediamo già con le autovetture allineate nel parcheggio in attesa di compratori, alla fine –non metaforica- della catena di montaggio.

Parking

Twitter: @massimochi